venerdì - 19 Aprile - 2024
HomeStorieNostra Signora di Lourdes, 11 febbraio e miracoli

Nostra Signora di Lourdes, 11 febbraio e miracoli

Nostra Signora di Lourdes

Dopo le apparizioni a Bernadette Soubirous nel 1858, Nostra Signora di Lourdes, più semplicemente, Madonna di Lourdes, è il nome dato a Maria dalla Chiesa cattolica.

Storia delle apparizioni di Nostra Signora di Lourdes

L’11 febbraio 1858 Bernadette, una ragazza di quattordici anni, stava raccogliendo legna da ardere a Massbielle, alla periferia di Lourdes, quando si avvicinò a una grotta, una ventosa la sorprese e vide una nuvola d’oro e una Signora vestita di bianco, con i suoi piedi nudi coperti da due rose d’oro, che sembravano appoggiarsi ai rami di un cespuglio di rose, aveva un largo nastro azzurro intorno alla vita, le sue mani erano unite in posizione di preghiera e portava un rosario.

Bernadette dapprima si spaventò, ma poi iniziò a recitare il rosario che portava sempre con sé, contemporaneamente alla fanciulla, la Signora passò i suoi grani tra le dita, alla fine la Vergine Maria si ritirò verso la Grotta e scomparve. Queste apparizioni furono ripetute 18 volte, fino al 16 luglio.

Il 18 febbraio, nella terza apparizione, Nostra Signora di Lourdes disse a Bernadette: “Vieni qui per quindici giorni di seguito”. La ragazza ha promesso di farlo e la Signora ha detto “Ti prometto che sarai molto felice, non in questo mondo, ma nell’altro”.

La notizia delle apparizioni si è diffusa in tutta la regione, e molti sono venuti alla grotta credendo nell’evento, altri lo hanno preso in giro.

Nella nona apparizione, il 25 febbraio, la Signora inviò santa Bernadette a bere ea lavarsi i piedi nell’acqua di una fontana, indicando il fondo della grotta. La ragazza non la trovò, ma obbedì alla richiesta della Vergine, e scavò nel terreno, producendo il primo scoppio della sorgente miracolosa di Lourdes.

Nelle apparizioni la Signora esortava la fanciulla a pregare per i peccatori, esprimeva il desiderio che nel luogo fosse eretta una cappella e inviava Bernadette a baciare la terra, come atto di penitenza per se stessa e per gli altri, le persone presenti La imito anche lì e fino ad oggi, questa pratica continua.

Il 25 marzo, su richiesta del parroco locale, la ragazza ha chiesto alla Signora Chi sei?, e lei ha risposto: “Io sono l’Immacolata Concezione”.

Poi Bernadette andò a dirlo al sacerdote, e lui rimase sbalordito, perché era quasi impossibile per una ragazza analfabeta conoscere il dogma dell’Immacolata Concezione, dichiarato da Papa Pio IX nel 1854.

Nell’apparizione del 5 aprile, la ragazza rimane in estasi, senza essere bruciata dalla candela che si consuma tra le sue mani.

Il 16 luglio 1858, Nostra Signora di Lourdes appare per l’ultima volta e saluta Bernadette.

Nel luogo in cui iniziò la costruzione di un Santuario, Papa Pio IX gli diede il titolo di Basilica nel 1874. Le apparizioni furono dichiarate autentiche il 18 gennaio 1862.

Lourdes è uno dei più grandi luoghi di pellegrinaggio del mondo, milioni di persone vengono ogni anno e tanti, tanti malati sono stati guariti nelle sue acque miracolose. La festa di Nostra Signora di Lourdes si celebra il giorno della sua prima apparizione, l’11 febbraio.

Apparizioni di Nostra Signora di Lourdes: dalla 1^ alla 6^

Nostra Signora di Lourdes

Lourdes1° Giovedì 11 febbraio

Maria apparve a Bernadette Soubirous, una ragazza di 14 anni, giovedì 11 febbraio 1858, vicino al fiume Pau nella Grotta di Massiabielle (“roccia antica”) larga circa otto metri, alla periferia di Lourdes, a l’ingresso ai Pirenei.

Quel giorno cambierà per sempre, non solo la vita di Bernadette, ma segna anche l’inizio di una fonte di grazia germogliata per tutta l’umanità. Fontana che cresce solo con il tempo.

La madre di Bernadette le ha permesso di andare con la sorella minore di nome María e con Juana Abadie, che chiamano Baloum, al campo per cercare legna secca. Il luogo preferito per la raccolta della legna da ardere era un campo davanti alla grotta. Bernadette, a causa della sua fragilità fisica, è rimasta indietro e non ha osato entrare in acqua perché faceva molto freddo.

Mentre si toglieva le scarpe per attraversare il torrente, udì un forte mormorio del vento, ma quando si voltò vide che tutto era calmo e che gli alberi non si erano mossi, ancora una volta sentì la stessa voce, vide una nuvola dorata e una giovane e bella Signora vestita di bianco all’interno della grotta, con un velo bianco che le copriva il capo, un fiocco azzurro, una rosa su ogni piede e un rosario di grani bianchi.

Bernadette all’inizio si spaventò, ma poi iniziò a recitare il rosario con la Signora, quando la preghiera fu terminata, la Signora improvvisamente scomparve. Questa fu la prima visione di una serie di diciotto, avvenuta da quell’11 febbraio 1858 al 16 luglio.

Apparizioni di Nostra Signora di Lourdes: 2^ Domenica 14 febbraio

Bernadette sente una forza interiore che la spinge a tornare alla Grotta nonostante il divieto dei suoi genitori. Per la sua insistenza, la madre le dà il permesso di tornare alla grotta e spruzzare l’acqua santa. Dopo la prima decina del rosario, Bernadette vede apparire la stessa Signora e il suo volto si è trasfigurato, ha gettato l’acqua santa e ha detto: « Se vieni da Dio, vieni più vicino a noi ». L’acqua santa raggiunse i piedi della Vergine e, sorridendo con più dolcezza, si avvicinò a Bernadette. La Signora sorride e china la testa. Quando il rosario è finito, la Signora scompare.

Apparizioni di Nostra Signora di Lourdes: 3^ Giovedì 18 febbraio

Nostra Signora di Lourdes

Per la prima volta la Signora parla. Una signora e una suora volevano accompagnare Bernadette alla grotta. Sono andati con lei per primi alla Santa Messa alle 5:30 e da lì sono andati alla grotta. All’arrivo si inginocchiò e iniziò a recitare il rosario, gridando di gioia quando vide la Signora in fondo alla grotta. Chiese se i suoi due compagni potevano restare e la Vergine disse di sì. Si sono anche inginocchiati e hanno cominciato a pregare mentre accendevano una candela benedetta.

Bernadette ha passato un foglio alla Madonna chiedendole di scrivere quello che voleva comunicarle. La Vergine gli disse: “Quello che ti devo comunicare non è necessario che tu lo annoti, dammi solo il dono di venire qui per quindici giorni di seguito”. Bernadette glielo promise e la Vergine rispose: “Prometto anche di renderti felice, non certo in questo mondo, ma nell’altro”

4^ Venerdì 19 febbraio

Bernadette è arrivata alla grotta accompagnata dai suoi genitori e da un centinaio di persone, con una candela benedetta e accesa. Da quel giorno nascerà l’usanza di portare candele per accenderle davanti alla Grotta.

5^ Sabato 20 febbraio

La Signora gli ha insegnato una preghiera personale. Alla fine della visione, una grande tristezza invade Bernadette. L’hanno accompagnata circa 500 persone.

6^: Domenica 21 febbraio

Al mattino presto la Signora si presenta a Bernadette, che è accompagnata da un centinaio di persone. Ci fu un momento in cui l’apparizione sembrò essere all’indietro e come se stesse sprofondando nella roccia. Per non perderla di vista, Bernadette si è avvicinata in ginocchio.

Ha osservato che la Vergine era diventata triste. Gli chiedo, cosa c’è che non va in te, cosa posso fare?

Nostra Signora di Lourdes ha risposto: “Pregate per i peccatori”

Viene quindi interrogata dal commissario di polizia Jacomet, che vuole che lei racconti ciò che ha visto. Bernadette parla solo di “AQUERO” (quello).

Uno dei principali medici di Lourdes si dedicò a studiarla, osservarla ed esaminarla. È giunto alla conclusione che in Bernadette non c’erano segni di allucinazioni, isteria o fuga dalla realtà. Disse così: «Ecco un fatto straordinario, del tutto sconosciuto alla scienza e alla medicina»

Presenze di Nostra Signora di Lourdes 7^ 12^

Nostra Signora di LourdesMartedì 23 febbraio

Bernadette va alla Grotta. L’Apparizione comunica un segreto che la riguarda solo e che non può rivelare a nessuno. Le insegnò anche una preghiera che lei gli fece ripetere, ma non voleva che lei condividesse.

La Vergine le disse: “Ed ora, figlia mia, va ‘a dire ai sacerdoti che qui, in questo luogo, si deve erigere un Santuario, e che devono venire in processione ad esso”.

Bernadette si è subito recata in chiesa per dare il messaggio al parroco. Il sacerdote le chiese il nome della Signora, alla quale Bernadette rispose che non lo sapeva. Dopo averla ascoltata, il parroco le ha detto: «Capisci che non posso bastare della tua unica testimonianza; dì a quella grande Signora di farsi conoscere; se è la Vergine, lo manifesti con un grande miracolo”.

8°. Mercoledì 24 febbraio

Bernadette raccontò alla Vergine ciò che il prete le aveva chiesto. La Vergine si limitò a sorridere, senza dire una parola.

Poi la mandò a pregare per i peccatori ed esclamò tre volte: “Penitenza, Penitenza, Penitenza!” Le fece ripetere queste parole e Bernadette lo fece mentre si trascinava in ginocchio sul fondo della grotta. Lì ha rivelato un segreto personale e poi è scomparso.

Bernadette per umiltà non ha raccontato tutti i dettagli, ma i testimoni hanno detto che è stata vista anche baciare la terra a intervalli, la Madonna le aveva detto: “Pregherai per i peccatori … Bacerai la terra per la conversione dei peccatori”. Mentre la Visione si allontanava, Bernadette la seguì in ginocchio, baciando la terra.

Da allora a Bernadette è stata affidata la penitenza per i peccatori. Un giorno la Vergine la mandò su e giù per la grotta più volte in ginocchio, la Vergine aveva un volto triste.

“Me l’ha mandato la Vergine per me e per gli altri”, ha detto.

9 °. Giovedì 25 febbraio

«Figlia mia», le diceva nella Visione, «voglio affidare solo a te l’ultimo segreto; proprio come gli altri due, non li rivelerai a nessuno in questo mondo ”.

“E ora va ‘a bere e lavati i piedi alla fonte, e mangia l’erba là”.

Bernadette si guardò intorno perché non stava guardando nessuna fonte. Pensava che la Vergine la stesse mandando al torrente e si è diretta lì.

La Vergine la fermò e disse: “Non andare là, vai alla fonte che è qui”. Indicò il retro della grotta.

Bernadette salì e, quando fu vicina alla roccia, cercò la sorgente, non trovandola, e volendo obbedire, guardò la Vergine. A un nuovo segnale, Bernadette si chinò e, scavando nella terra con la mano, riuscì a fare un buco. All’improvviso il fondo di quella piccola cavità si bagnò e provenendo da profondità sconosciute attraverso le rocce, apparve un’acqua che ben presto riempì il buco che poteva contenere un bicchiere d’acqua.

Mischiata con la terra fangosa, Bernadette se lo portò tre volte alle labbra, non decidendo di berlo. Ma superando il suo naturale disgusto per l’acqua sporca, la bevve e si bagnò anche la faccia. Tutti hanno iniziato a prenderla in giro e dire che ora è impazzita. Bernadette risponde e basta. “È per i peccatori.”

Senza saperlo Bernadette aveva appena aperto la fonte delle cure e dei più grandi miracoli che hanno commosso l’umanità.

L’acqua miracolosa di Lourdes è stata analizzata da esperti chimici: è un’acqua vergine, molto pura, un’acqua naturale che manca di tutte le proprietà termali. Ha anche la particolarità che nessun batterio sopravvive al suo interno. (Simboleggia l’Immacolata Concezione, nel cui essere non c’è mai stata una macchia di peccato originale o personale)

10^ apparizione di Nostra Signora di Lourdes: Sabato 27 febbraio

Quel giorno c’erano ottocento persone. L’apparizione rimane muta. Bernadette beve l’acqua della sorgente e compie i soliti gesti di penitenza.

11 °. Domenica 28 febbraio

Più di mille persone assistono all’estasi. Bernadette prega, bacia la terra e striscia sulle ginocchia in segno di penitenza.

12° Lunedì 1 marzo

Si sono radunate più di 1.500 persone e tra loro, per la prima volta, un sacerdote. Durante la notte, Catalina Latapie, amica di Lourdes, si reca alla Grotta, immerge il braccio slogato nell’acqua sorgiva e il braccio e la mano ritrovano la loro agilità.

Apparizioni di Nostra Signora di Lourdes: 13° al 18. 13° Martedì 2 marzo

Bernadette è andata di nuovo dal parroco di Lourdes, ricordandogli la richiesta della Vergine di costruire un Santuario sul luogo delle apparizioni.

14°. Mercoledì 3 marzo

Quando lascia la scuola, sente il richiamo interiore della Signora; Va alla Grotta e chiede di nuovo il suo nome. La risposta è un sorriso. Il parroco Peyramale le disse ancora: “Se la Signora vuole davvero una cappella, dica il suo nome”.

15°. Giovedì 4 marzo

La visione rimane muta. Il prete Peyramale resta al suo posto. Per i prossimi venti giorni Bernadette non andrà alla Grotta; non sente dentro di sé l’invito irresistibile.

16 . Giovedì 25 marzo

Era questo 25, un giorno di gloria. Chiese di nuovo Bernadette alla Signora … “Saresti così gentile da dirmi chi sei e come ti chiami?”

Bernadette ha insistito … “Vuoi dirmi chi sei? Ti prego, mia signora.”

Poi la Signora distolse lo sguardo da Bernadette, allargò le mani, fece scivolare il rosario tra le dita sul braccio, alzò contemporaneamente le mani e la testa radiosa, mentre le sue mani si univano davanti al petto, il suo La sua testa si abbassò e, più splendente della luce del sole, alzando gli occhi al cielo disse: “IO SONO L’IMMACOLATA CONCEZIONE”, e così scomparve, lasciando questa immagine e quel nome in Bernadette.

La giovane donna è scappata, ripetendo incessantemente, lungo la strada, quelle parole che non comprendeva. Parole che commuovono il buon parroco, visto che Bernadette ignorava quell’espressione teologica che serve a nominare la Beata Vergine.

Quando il parroco ha sentito la storia di Bernadette, è rimasto sbalordito. Come poteva una ragazza senza alcuna istruzione religiosa conoscere il dogma che solo quattro anni prima aveva promulgato la Chiesa? Nel 1854, Papa Pio IX aveva definito il dogma dell’Immacolata Concezione.

Il sacerdote ha verificato che Bernadette non si era lasciata ingannare, era lei, la Beata Vergine, la sovrana Madre di Dio che gli apparve nella Grotta.

17 °. Mercoledì 7 aprile

Durante questa Apparizione, Bernadette tiene in mano la sua candela accesa, e ad un certo momento la fiamma le tocca la mano senza bruciarla. Questo fatto viene immediatamente verificato dal medico, il dottor Douzous.

18 °. Giovedì 16 luglio

L’ultima apparizione è stata il 16 luglio, giorno della Virgen del Carmen, Bernadette sente internamente il misterioso richiamo della Vergine e si reca alla Grotta; ma l’accesso era vietato e la grotta era recintata. Così va dall’altra parte del Gave, di fronte alla Grotta. “Mi sembrava di essere davanti alla grotta, alla stessa distanza delle altre volte, ho visto solo la Vergine, non l’avevo mai vista così bella!” .

Bernadette aveva adempiuto la sua missione, con grande amore e coraggio di fronte a tutte le sofferenze che ha dovuto sopportare e di fronte a tutti gli ostacoli che il Nemico le ha posto. Il suo confessore ha detto più volte: «La prova migliore delle apparizioni è la stessa Bernadette, la sua vita

Primi miracoli in seguito alle apparizioni di Nostra Signora di Lourdes

26 febbraio: il primo miracolo

L’acqua miracolosa ha fatto il primo miracolo. Il buon parroco di Lourdes aveva chiesto un segno, e invece di quello piccolissimo che aveva chiesto, la Vergine ne aveva appena dato uno molto grande, e non solo a lui, ma a tutta la popolazione.

C’era a Lourdes un povero operaio di cava di nome Bourriette, che vent’anni prima aveva avuto l’occhio sinistro gravemente danneggiato dall’esplosione di una mina. Era un uomo molto onesto e molto cristiano, che mandò sua figlia a prendere l’acqua dalla nuova fontana e iniziò a pregare, sebbene fosse un po ‘sporca, se ne fregò l’occhio. Ha iniziato a urlare di gioia. L’oscurità era scomparsa, non gli era rimasto altro che una leggera nuvola, che stava scomparendo mentre continuava a lavarsi.

I medici avevano detto che non sarebbe mai stato curato. Esaminandolo di nuovo, non c’era altra scelta che chiamare ciò che era successo con il suo nome: miracolo. E la cosa più grande era che il miracolo aveva lasciato le cicatrici e le ferite profonde della ferita, ma aveva comunque restituito la vista.

Molti miracoli continuano a accadere a Lourdes, quindi c’è sempre una moltitudine di malati nel santuario.

4 marzo:

Secondo la sua abitudine, Bernadette, prima di recarsi alla grotta, ha assistito alla Santa Messa. Alla fine dell’apparizione, ha avuto una grande tristezza, la tristezza della separazione. Avrei rivisto la Vergine?

La Vergine sempre generosa, non ha voluto che la giornata finisse senza una manifestazione della sua bontà: un grande miracolo, un miracolo materno.

Un bambino di due anni stava già morendo, si chiamava Justin. Da quando era nato aveva una febbre che gli stava lentamente sbrogliare la vita. I suoi genitori, quel giorno, lo credettero morto. La Madre nella sua disperazione lo prese e lo portò alla fonte. Il bambino non ha mostrato segni di vita. La madre lo mise in acqua per 15 minuti, che era molto fredda. Quando arrivò a casa, notò che il respiro del ragazzo poteva essere sentito normalmente.

Il giorno dopo Justino si svegliò con una carnagione fresca e viva, gli occhi pieni di vita, chiedendo cibo e le gambe rafforzate.

Questo fatto sconvolse l’intera regione e presto tutta la Francia e l’Europa; tre medici di grande fama certificarono il miracolo, definendolo di prim’ordine.

Le apparizioni della Vergine e della Chiesa
Il 18 gennaio 1862 il vescovo firmò la pastorale di approvazione delle apparizioni. Il suo carattere soprannaturale e la vita autentica del veggente.

1874: Papa Pio IX concede al santuario il titolo di Basilica.

1876: incorono solennemente la statua della Vergine.

Leone XIII: approvato l’ufficio e la messa di Lourdes

Pio X chiamava Lourdes: “sede del potere e della misericordia di Maria, dove ebbero luogo meravigliose apparizioni della Vergine”

1907: questo stesso Papa estende la celebrazione della festa di Nostra Signora di Lourdes a tutta la Chiesa universale.

Pio XI: Affermo: “Lourdes, dove la Vergine è apparsa più volte alla beata Bernadette, dove esorto tutti gli uomini alla penitenza”.

L’8 dicembre 1933 elevò santa Bernadette Soubirous all’onore degli altari.

Pio XII: ha scritto l’enciclica “Il pellegrinaggio a Lourdes”, il più completo di tutti i documenti su Lourdes ”

Giovanni XXIII: al termine del centenario delle apparizioni di Lourdes, ha ricordato quanto segue: “La Chiesa, attraverso la voce dei suoi Papi, non smette di raccomandare ai cattolici di prestare attenzione al messaggio di Lourdes”

Infine, Giovanni Paolo II è il primo Papa a compiere un pellegrinaggio a Lourdes, nel 1983, in occasione del 125 ° anniversario delle apparizioni. Lì ha officiato la Santa Messa il 15 agosto, affermando due volte: «Veniamo in pellegrinaggio a Lourdes, dove Maria ha detto a Bernadette:« Io sono l’Immacolata Concezione »e ha aggiunto:« Qui ha parlato con una ragazza semplice di Lourdes, con gli diede il rosario, gli diede diversi messaggi e il Papa ha concluso dicendo: “La Madonna viene a salvare i peccatori ..”

Condividi se ti è piaciuto

Potrebbe anche interessarti

ABBIAMO BISOGNO DEL TUO AIUTO!

Se stai leggendo questo articolo, è grazie alla tua generosità e a quella di molte altre persone come te. Puoi contribuire con una piccola donazione alla crescita di Gesù è tra noi.

Rimani connesso iscriviti al canale

-

Più popolari

-

Preghiere più lette

-