lunedì - 4 Dicembre - 2023
HomeVangelo e Parabole36 Incredibili miracoli compiuti da Gesù - 4^ PARTE

36 Incredibili miracoli compiuti da Gesù – 4^ PARTE

Il grande miracolo di Yahshua in Matteo 17: 24-17
28. Pesca miracolosa con una moneta nella bocca di un pesce

Dopo che Gesù ei suoi discepoli arrivarono a Cafarnao, gli esattori della tassa del tempio a due dracme andarono da Pietro e chiesero: “Il tuo insegnante non paga la tassa del tempio?” “Sì, lo fa”, ha risposto. Quando Pietro entrò in casa, Gesù fu il primo a parlare. “Cosa ne pensi, Simon?” chiese. “Da chi i re della terra riscuotono dazi e tasse, dai propri figli o da altri?” “Dagli altri”, rispose Peter. “Allora i bambini sono esentati”, gli disse Gesù. “Ma per non offenderti, vai al lago e getta via la lenza. Prendi il primo pesce che prendi; apri la sua bocca e troverai una moneta da quattro dracme. Prendilo e dallo a loro per le mie e le tue. ” ~ Matteo 17: 24-27

29. Gesù guarisce un cieco, un uomo muto posseduto da un demone

Gesù stava scacciando un demone che era muto. Quando il demone se ne andò, l’uomo che era stato muto parlò e la folla rimase sbalordita. Ma alcuni di loro hanno detto: “Per Beelzebul, il principe dei demoni, sta scacciando i demoni”. Altri lo misero alla prova chiedendo un segno dal cielo. Gesù conosceva i loro pensieri e disse loro: “Ogni regno diviso in se stesso sarà rovinato, e una casa divisa in se stessa cadrà. Se Satana è diviso contro se stesso, come può reggere il suo regno? Dico questo perché affermi che io scaccio i demoni per Beelzebul. Ora, se scaccio i demoni per mezzo di Beelzebul, da chi li scacciano i tuoi seguaci? Allora, saranno i tuoi giudici. Ma se scaccio i demoni con il dito di Dio, allora il regno di Dio è venuto su di te. “Quando un uomo forte, completamente armato, fa la guardia alla propria casa, i suoi beni sono al sicuro. Ma quando qualcuno più forte lo attacca e lo vince, gli porta via l’armatura in cui l’uomo si fidava e divide il suo bottino. “Chi non è con me è contro di me, e chi non raccoglie con me disperde. ~ Luca 11: 14-23 descritto anche in Matteo 12: 22-23

30. Gesù guarisce una donna storpia

Di sabato Gesù insegnava in una delle sinagoghe e c’era una donna che era stata paralizzata da uno spirito per diciotto anni. Era piegata e non riusciva affatto a raddrizzarsi. Quando Gesù la vide, la chiamò avanti e le disse: “Donna, sei liberata dalla tua infermità”. Poi le mise le mani addosso e subito si alzò e lodò Dio. Indignato perché Gesù era guarito di sabato, il capo della sinagoga disse alla gente: “Ci sono sei giorni per il lavoro. Quindi vieni e sii guarito in quei giorni, non di sabato “. Il Signore gli rispose: “Ipocriti! Ognuno di voi di sabato non scioglie il bue o l’asino dalla stalla e lo conduce fuori per dargli acqua? Allora questa donna, una figlia di Abramo, che Satana ha tenuto legata per diciotto lunghi anni, non dovrebbe essere liberata in giorno di sabato da cosa la legava? ” Quando ha detto questo, tutti i suoi avversari sono stati umiliati, ma la gente era felicissima di tutte le cose meravigliose che stava facendo. ~ Luca 13: 10-17

31. Gesù guarisce un uomo con idropisia di sabato

Un sabato, quando Gesù andava a mangiare in casa di un importante fariseo, veniva attentamente sorvegliato. Di fronte a lui c’era un uomo che soffriva di un gonfiore anormale del suo corpo. Gesù chiese ai farisei e agli esperti della legge: “È lecito guarire di sabato o no?” Ma rimasero in silenzio. Così, afferrato l’uomo, lo guarì e lo rimandò per la sua strada. Poi chiese loro: “Se uno di voi ha un bambino o un bue che cade in un pozzo in giorno di sabato, non lo tirate fuori immediatamente?” E non avevano niente da dire. ~ Luca 14: 1-6

32. Gesù purifica dieci lebbrosi

Mentre si recava a Gerusalemme, Gesù percorse il confine tra la Samaria e la Galilea. Mentre stava entrando in un villaggio, dieci uomini che avevano la lebbra lo incontrarono. Rimasero a distanza e gridarono ad alta voce: “Gesù, Maestro, abbi pietà di noi!” Quando li vide, disse: “Andate, mostratevi ai sacerdoti”. E mentre andavano, furono purificati. Uno di loro, quando vide che era guarito, tornò lodando Dio ad alta voce. Si gettò ai piedi di Gesù e lo ringraziò, ed era un samaritano. Gesù chiese: “Non furono tutti e dieci purificati? Dove sono gli altri nove? Nessuno è tornato per lodare Dio tranne questo straniero? ” Poi gli disse: “Alzati e va ‘; la tua fede ti ha fatto stare bene “. ~ Luca 17: 11-19

33. Gesù risuscita Lazzaro dai morti

Ora un uomo di nome Lazzaro era malato. Era di Betania, il villaggio di Mary e di sua sorella Martha. (Questa Maria, il cui fratello Lazzaro ora giaceva malato, era la stessa che versò profumo sul Signore e gli asciugò i piedi con i suoi capelli). Così le sorelle mandarono la parola a Gesù: “Signore, quello che ami è malato”. Quando udì questo, Gesù disse: “Questa malattia non finirà con la morte. No, è per la gloria di Dio in modo che il Figlio di Dio possa essere glorificato attraverso di essa “. Ora Gesù amava Marta, sua sorella e Lazzaro.

Così, quando seppe che Lazzaro era malato, rimase dov’era ancora due giorni, e poi disse ai suoi discepoli: “Torniamo in Giudea”. “Ma rabbino”, dissero, “poco fa gli ebrei hanno cercato di lapidarti, eppure stai tornando indietro?” Gesù rispose: “Non ci sono dodici ore di luce del giorno? Chiunque cammini di giorno non inciamperà, perché vedono alla luce di questo mondo. È quando una persona cammina di notte che inciampa, perché non ha luce”.

Dopo aver detto questo, continuò dicendo loro: “Il nostro amico Lazzaro si è addormentato; ma ci vado a svegliarlo. ” I suoi discepoli risposero: “Signore, se dorme, starà meglio”. Gesù aveva parlato della sua morte, ma i suoi discepoli pensavano che intendesse il sonno naturale. Quindi disse loro chiaramente: “Lazzaro è morto, e per amor vostro sono contento di non essere stato lì, affinché possiate credere. Ma andiamo da lui “.

Quindi Tommaso (noto anche come Didimo) disse al resto dei discepoli: “Andiamo anche noi, affinché possiamo morire con lui”. Al suo arrivo, Gesù scoprì che Lazzaro era già nella tomba da quattro giorni. Ora Betania era a meno di due miglia da Gerusalemme, e molti ebrei erano andati da Marta e Maria per confortarli nella perdita del loro fratello. Quando Marta udì che Gesù sarebbe venuto, gli andò incontro, ma Maria rimase a casa. “Signore”, disse Marta a Gesù, “se tu fossi stato qui, mio ​​fratello non sarebbe morto. Ma so che anche adesso Dio ti darà qualunque cosa chiederai. ” Gesù le disse: “Tuo fratello risorgerà”. Marta rispose: “So che risorgerà nella risurrezione all’ultimo giorno”. Gesù le disse: “Io sono la risurrezione e la vita. Chi crede in me vivrà, anche se muore; e chi vive credendo in me non morirà mai. Credi questo? ” “Sì, Signore”, rispose, “credo che tu sei il Messia, il Figlio di Dio, che deve venire nel mondo”. Dopo aver detto questo, è tornata indietro e ha chiamato sua sorella Mary da parte.

“L’insegnante è qui, “Ha detto,” e sta chiedendo di te. ” Quando Mary udì questo, si alzò in fretta e andò da lui. Ora Gesù non era ancora entrato nel villaggio, ma era ancora nel luogo dove Marta lo aveva incontrato. Quando i Giudei che erano stati con Maria in casa, confortandola, si accorsero di quanto velocemente si alzava ed usciva, la seguirono, supponendo che andasse al sepolcro a piangere lì. Quando Maria raggiunse il luogo dove si trovava Gesù e lo vide, cadde ai suoi piedi e disse: “Signore, se tu fossi stato qui, mio ​​fratello non sarebbe morto”. Quando Gesù la vide piangere e piangere anche gli ebrei che erano venuti con lei, rimase profondamente commosso e turbato. “Dove l’hai posto?” chiese. “Vieni a vedere, Signore”, risposero.

Gesù pianse. Poi gli ebrei dissero: “Guarda come lo amava!” Ma alcuni di loro hanno detto, “Colui che ha aperto gli occhi al cieco non avrebbe potuto impedire a quest’uomo di morire?” Gesù, ancora una volta profondamente commosso, venne al sepolcro. Era una grotta con una pietra posta di fronte all’ingresso. “Porta via la pietra”, disse. “Ma, Signore”, disse Martha, la sorella del morto, “a questo punto c’è un cattivo odore, perché è lì da quattro giorni”. Poi Gesù disse: “Non ti ho detto che se credi, vedrai la gloria di Dio?” Così hanno portato via la pietra. Quindi Gesù alzò lo sguardo e disse: “Padre, ti ringrazio di avermi ascoltato. Sapevo che mi ascolti sempre, ma ho detto questo per il bene delle persone qui presenti, affinché credano che mi hai mandato “. Quando ebbe detto questo, Gesù chiamò ad alta voce: “Lazzaro, vieni fuori!” Il morto uscì, con mani e piedi avvolti in strisce di lino e un panno intorno al viso. Gesù disse loro: “Toglietevi i vestiti della tomba e lasciatelo andare”. Perciò molti giudei che erano venuti a visitare Maria e avevano visto ciò che Gesù aveva fatto, credettero in lui. ~ Giovanni 11: 1-45

34. Gesù ridona la vista a Bartimeo

Poi sono venuti a Gerico. Mentre Gesù ei suoi discepoli, insieme a una grande folla, stavano lasciando la città, un cieco, Bartimeo (che significa “figlio di Timeo”), era seduto sul ciglio della strada a mendicare. Quando ha sentito che era Gesù di Nazaret, ha cominciato a gridare: “Gesù, Figlio di Davide, abbi pietà di me!” Molti lo rimproverarono e gli dissero di stare zitto, ma lui gridò ancora di più: “Figlio di Davide, abbi pietà di me!” Gesù si fermò e disse: “Chiamalo”. Così chiamarono il cieco: “Coraggio! Sui tuoi piedi! Ti sta chiamando. ” Gettando da parte il mantello, balzò in piedi e andò da Gesù. “Cosa vuoi che faccia per te?” Gli chiese Gesù. Il cieco disse: “Rabbino, voglio vedere”. “Va ‘”, disse Gesù, “la tua fede ti ha guarito”. Immediatamente riprese la vista e seguì Gesù lungo la strada. ~ Marco 10: 46-52

35. Gesù appassisce il fico che non ha prodotto frutti

La mattina presto, mentre Gesù stava tornando in città, aveva fame. Vedendo un fico lungo la strada, vi si avvicinò ma non vi trovò altro che foglie. Poi gli disse: “Possa tu non portare mai più frutto!” Immediatamente l’albero appassì. Quando i discepoli videro questo, rimasero sbalorditi. “Come ha fatto il fico ad appassire così velocemente?” hanno chiesto. Gesù rispose: “In verità ti dico, se hai fede e non dubiti, non solo puoi fare ciò che è stato fatto al fico, ma puoi anche dire a questo monte:” Va ‘, gettati in mare “, e sarà fatto. Se credi, riceverai tutto ciò che chiederai in preghiera “. ~ Matteo 21: 18-22

36. Seconda pesca miracolosa

La mattina presto, Gesù stava sulla riva, ma i discepoli non si rendevano conto che era Gesù. Li ha chiamati: “Amici, non avete pesce?” “No”, hanno risposto. Disse: “Getta la tua rete sul lato destro della barca e ne troverai un po ‘”. Quando lo fecero, non furono in grado di tirare la rete a causa del gran numero di pesci. Allora il discepolo che Gesù amava disse a Pietro: “È il Signore!” Non appena Simon Pietro lo sentì dire: “È il Signore”, si avvolse nella sua veste (poiché se l’era tolta) e saltò in acqua. Gli altri discepoli li seguirono con la barca, rimorchiando la rete piena di pesci, poiché non erano lontani dalla riva, circa un centinaio di metri. Quando sbarcarono, videro un fuoco di carboni ardenti con del pesce sopra e del pane. Gesù disse loro: “Portate un po ‘del pesce che avete appena preso. Così Simon Pietro risalì sulla barca e trascinò a riva la rete. Era pieno di pesci grossi, 153, ma anche con tanti pesci la rete non si strappò. ~ Giovanni 21: 4-11

Clicca nei seguenti link se vuoi leggere la 1^ parte2^ parte3^ parte

Condividi se ti è piaciuto

Potrebbe anche interessarti

ABBIAMO BISOGNO DEL TUO AIUTO!

Se stai leggendo questo articolo, è grazie alla tua generosità e a quella di molte altre persone come te. Puoi contribuire con una piccola donazione alla crescita di Gesù è tra noi.

Rimani connesso iscriviti al canale

-

Più popolari

-

Preghiere più lette

-