mercoledì - 19 Giugno - 2024
HomeStorieSanta Rita da Cascia: la sua storia dalla nascita alla morte

Santa Rita da Cascia: la sua storia dalla nascita alla morte

Santa Rita da Cascia

Santa Rita da Cascia è il Santo delle Cause Impossibili e Disperate, che ha ottenuto tutto attraverso la preghiera.

Santa Rita da Cascia nasce nel 1381 a Roccaporena, una frazione del comune di Cascia. Figlia di Antonio Lotti e Amata Ferri, la sua famiglia era nota per essere nobile e caritatevole. È cresciuta nel cristianesimo e in giovane età ha espresso la sua volontà di entrare in convento e dedicare la sua vita a Nostro Signore Gesù Cristo.

La vita di Santa Rita da Cascia

Il matrimonio

La giovane Rita non riuscì a soddisfare il suo desiderio di diventare suora. I suoi genitori insistettero che si sposasse, e per non contraddirli, lo fece. Sposò il nobile Paolo Mancini, figlio di un potente e ricco cavaliere della regione.

Tuttavia, Rita ha sofferto per mano di suo marito. Era violento e immorale, viveva circondato da nemici. Anche così, la giovane donna era forte, poiché a quel tempo non era così semplice chiedere il divorzio e condurre la vita normalmente nella società.

Da sempre devota a San Giovanni Battista, Sant’Agostino e San Nicola da Tolentino, chiese nelle sue preghiere che la proteggessero, sopportando gli insulti e gli abusi del marito.

Dopo qualche tempo, sembrava che le sue preghiere fossero ascoltate. Il marito cambiò comportamento e insieme ebbero due figli: Giangiacomo Antonio e Paolo Maria.

Perdite

Ma ora Rita avrebbe dovuto affrontare un’altra sofferenza: suo marito era stato assassinato. Lei, come sempre piena di gentilezza nel suo cuore, offrì un perdono pubblico all’assassino di suo marito.

Quando i loro figli crebbero, furono persuasi dallo zio di Paolo, il fratello, a vendicarsi del padre. Rita cercò di non farli cadere nel desiderio di vendetta, ma non ci riuscì. Così chiese a Dio di prendere i suoi figli prima che le loro anime diventassero impure. E Dio, lo fece.

L’ingresso al convento

Ora, vedova e senza i figli che Dio aveva preso e protetto dal peccato, Rita tornò con l’idea di andare in convento. Cercò di entrare nel monastero di Santa Maria Maddalena a Cascia, ma fu rifiutata perché le monache temevano che la sua immagine pura fosse associata agli eventi scandalosi della vita di Rita.

Ma lei non si è arresa. Ancora una volta, si rivolse a Dio e le chiese di essere ammessa al monastero. Poi, una notte, i suoi santi della devozione la trasportarono miracolosamente nel convento, e dopo questo evento inspiegabile, fu ammessa dalla Madre Superiora.

Da quel giorno Rita ha dato la sua vita a Dio e ha iniziato a pregare ogni giorno per apportare miglioramenti. Riuscì a porre fine alla più grande disputa familiare nella sua città e guarì suo cognato dalla peste nera.

Nel monastero di Santa Maria Maddalena, che vive secondo la Regola Agostiniana, Rita visse fino al 22 maggio 1457, quando morì di tubercolosi.

La spina del crocifisso sulla fronte

Quando Rita aveva circa 60 anni, stava meditando con un’immagine di Gesù Cristo crocifisso. Improvvisamente, una ferita apparve sulla sua fronte, come se fosse una spina nella Corona di Cristo. Era considerata una stimma parziale dalle autorità romane, che è un segno esterno della loro unione con Cristo.

Il miracolo delle api

Il giorno in cui la piccola Rita fu battezzata, i suoi genitori notarono che uno sciame di api bianche entrò nella sua stanza, si avvicinò alla sua culla e se ne andò pacificamente, senza alcuna puntura sulla bambina. Erano perplessi e questo momento era considerato come un avvertimento che avrebbe avuto una vita segnata dalla virtù, dall’amore per le sofferenze di nostro Signore e dalla vita interiore.

Il miracolo della rosa

Quando Rita era già stratificata, vecchia, nel convento, ricevette la visita di un cugino, che le chiese se le sarebbe piaciuto vedere qualche ricordo della sua vecchia casa. Rita ha detto che le piacerebbe una rosa dal giardino. Tuttavia, quel mese non c’erano fiori. Ma quando sua cugina arrivò nella vecchia casa di Santa Rita, trovò una sola rosa sbocciata. Raccolse la rosa e la portò a Rita.

Il corpo incorrotto

Dopo la sua sepoltura, sono state fatte tre esibizioni sul Corpo di Santa Rita, che è quando il corpo viene portato alla luce per essere esaminato. Uno di questi tempi fu il 16 luglio 1627, prima della sua beatificazione. Il corpo è stato esaminato attentamente, ed era in perfette condizioni, come il giorno della sua morte.

Altri resoconti conservati negli archivi della diocesi di Spoleto raccontano anche di quando gli occhi della Santa si aprirono da soli e di quando tutto il suo corpo si sarebbe spostato, all’interno del sarcofago, da una parte all’altra, in presenza di diversi testimoni.

Rita Santificata

Santa Rita fu beatificata nel 1627 e canonizzata nel 1900 dalla Santa Chiesa Cattolica.

Preghiera a Santa Rita

O cara Santa Rita,
nostra Patrona anche nei casi impossibili e Avvocata nei casi disperati,
fate che Dio mi liberi dalla mia presente afflizione…….,
e allontani l’ansietà, che preme così forte sopra il mio cuore.
Per l’angoscia, che voi sperimentaste in tante simili occasioni,
abbiate compassione della mia persona a voi devota,
che confidentemente domanda il vostro intervento
presso il Divin Cuore del nostro Gesù Crocefisso.

O cara Santa Rita,
guidate le mie intenzioni
in queste mie umili preghiere e ferventi desideri.

Emendando la mia passata vita peccatrice
e ottenendo il perdono di tutti i miei peccati,
ho la dolce speranza di godere un giorno
Dio in paradiso insieme con voi per tutta l’eternità.
Così sia.

Santa Rita, Patrona dei casi disperati, pregate per noi.

Santa Rita, Avvocata dei casi impossibili, intercedete per noi.

Condividi se ti è piaciuto

Potrebbe anche interessarti

ABBIAMO BISOGNO DEL TUO AIUTO!

Se stai leggendo questo articolo, è grazie alla tua generosità e a quella di molte altre persone come te. Puoi contribuire con una piccola donazione alla crescita di Gesù è tra noi.

Rimani connesso iscriviti al canale

-

Più popolari

-

Preghiere più lette

-