venerdì - 24 Maggio - 2024
HomeCuriosità4 consigli che rivoluzioneranno per sempre il modo in cui ricevi la...

4 consigli che rivoluzioneranno per sempre il modo in cui ricevi la Comunione

Hai notato che ultimamente ci sono tanti articoli, video su YouTube , post su Facebook che parlano del modo corretto di ricevere la comunione? Senza entrare nel dibattito, ti invitiamo a fare un breve viaggio in modo da non dimenticare alcune cose che sono anche importanti quando si tratta di ricevere il Corpo di Cristo. Cominciamo!

1. Scegli bene cosa fare con le tue mani

Lo sapevi che quando ricevi la Comunione ricevi Gesù? Questo non è aneddotico o romantico, non è fantascienza, è una missione! In quel momento vive in te più che mai. Quindi, sei chiamato a diventare un Gesù in più per il tuo popolo.

Ovviamente con la tua acconciatura, con i tuoi gusti musicali, con il tuo cibo preferito, ma con lo stesso amore all’estremo che ci ha chiesto di avere in suo ricordo. E cosa c’entra questo con le mani?

Ad esempio, pensa alle persone che vivono come lebbrosi ai tempi di Gesù, cioè che vengono escluse dal loro ambiente. Forse un tuo amico del college con cui nessuno vuole stare in un gruppo, un tuo zio che ha commesso degli errori e non è piaciuto al resto della famiglia. Un vecchio la cui solitudine lo sta uccidendo in un manicomio o in un ospedale , o un amico della tua scuola che ha un modo particolare di essere e viene deriso per questo.

Sai cosa fece Gesù con gli esclusi del suo tempo? Li ha toccati! Li abbracciò, li salutò. Non aveva paura di avvicinarsi, avere uno Starbucks con loro o caricare una foto insieme sul suo Instagram . Non aveva paura perché sapeva che quando li toccava capivano che Dio stesso si prendeva cura di loro.

Ed è allora che è iniziato il miracolo! E tu? Sai già dove mettere le mani prima di ricevere la comunione?

2. Non trascurare la posizione delle ginocchia

Per essere libero, Gesù ti ha liberato! Non ci vuole schiavi, soggetti a niente e nessuno. Ma quando pensiamo alla schiavitù, vengono in mente scene dei film “Il faraone” o “Il ritorno della mummia”, dove c’erano molti egiziani in catene.

Ma non andiamo troppo lontano! Sono anche schiavi che dipendono dai “mi piace” dei loro seguaci per sentirsi preziosi, o quelli che trovano quasi impossibile smettere di mangiare quei biscotti o dolci anche se questo uccide la loro salute e la loro autostima. O quelli che trascorrono ore su Netflix ma poi si pentono di non avere tempo per niente, quelli che sono diventati emotivamente dipendenti permettendo ai loro partner di abusare di tutti i livelli.

Insomma, se sei uno di quelli che riceve costantemente il Corpo di Cristo, combatti per la tua libertà! E non lasciare che le tue ginocchia si sottomettano a qualcosa che ti deruba dell’abbondanza di vita che meriti.

3. Esprimiti con le parole giuste

Chi prende la comunione accetta la missione di ricevere Gesù perché vuole vivere come Gesù. E sanno benissimo che il loro slogan di vita è “amatevi gli uni gli altri”, cioè non feritevi a vicenda, non vi distruggete, non vi annullate, non maltrattate la vita degli altri, perché questo è il contrario del Vangelo.

Uno dei modi più allettanti e inosservati per cadere in questo è con il famoso “gossip”. È molto provocatorio parlare male del capo che non prende buone decisioni, del coordinatore della comunità che non si organizza, del sacerdote che non ha un buon carattere.

Dalla zia che commenta cose strane nel gruppo WhatsApp di famiglia, dalla ragazza che carica tante storie in palestra, dal ragazzo che passa tutto il giorno con la sua ragazza. Dal calciatore che ha commesso un errore fuori dal campo, comunque.

Gesù si prese molto cura delle sue parole perché sapeva l’impatto che avrebbero avuto sulla vita degli altri. Così come possono esprimere molto amore, possono anche provocare il contrario. Una sua parola è bastata per sanare la speranza del paralitico, la colpa del buon ladrone, le dimissioni di Zaccheo, la malattia della suocera di Pietro, la dignità di quella donna accusata di adulterio.

Questo è ciò che fece Gesù con le sue parole. Se la comunione è lasciare che Gesù viva in te, gli stai lasciando vivere anche nelle parole che usi per parlare degli altri? Se mantieni il desiderio di capire meglio la figura di Gesù, ti consiglio il corso online “Conoscere Gesù per vivere in Gesù” , non te ne pentirai!

4. Attento al silenzio che stai facendo

Gesù fu molto chiaro e insegnò ai suoi discepoli a non tacere di fronte alle ingiustizie che vedevano intorno a loro. Hanno alzato la voce in modo che i lebbrosi e le persone con qualche tipo di disabilità non si sentissero meno di chiunque altro, in modo che samaritani e venezuelani (come esempio attuale) per essere stranieri non sarebbero stati disprezzati.

In modo che le donne non ricevano più pietre mortali o frasi inquietanti per le strade, e in modo che ogni lavoratore riceva il suo giusto salario e gli straordinari ben pagati. Lo hanno fatto perché l’ha fatto Gesù. Perché non solo ha alzato la voce, ma il suo cuore in croce perché tutti sappiano che l’ingiustizia non ha l’ultima parola quando l’amore è colui che la combatte. Se sei uno di quelli che prendono la comunione, allora sarebbe bene chiedersi: quale situazione di ingiustizia nel mio ambiente sono chiamato a denunciare e trasformare?

Come ti rendi conto, l’esperienza della comunicazione non si esaurisce con gli avvisi parrocchiali, continua nel luogo in cui sei 24 ore su 24, sette giorni su sette. Quindi, se vuoi occuparti della tua ultima Comunione, non smettere di chiederti: cosa ti chiede Gesù di fare in questi giorni per commemorarlo?

Condividi se ti è piaciuto

Potrebbe anche interessarti

ABBIAMO BISOGNO DEL TUO AIUTO!

Se stai leggendo questo articolo, è grazie alla tua generosità e a quella di molte altre persone come te. Puoi contribuire con una piccola donazione alla crescita di Gesù è tra noi.

Rimani connesso iscriviti al canale

-

Più popolari

-

Preghiere più lette

-